Milano 2030 una città resiliente e pronta a ripartire

Milano 2030
Illustrazione di Eleonora Gambula

Milano nel 2030 è ripartenza e crescita attraverso innovazione, tecnologia e ricerca. Al centro la sostenibilità e la capacità creativa delle istituzioni e delle imprese, per una città più vicina alle esigenze dei cittadini

Cornice di Paola Parra

Di Giovanna Iannantuoni

Una città resiliente

Una città sostenibile, creativa e resiliente. Un nuovo polo di imprenditorialità e scienza. Così sarà Milano 2030. In tutto il mondo ci si interroga su come sarà la nostra città: dev’essere semplicemente un luogo migliore dove vivere e dove sviluppare nuove idee.

Occorre fare nostra la massima di Albert Einstein che sosteneva come la crisi potesse essere anche una benedizione, perché è lì «che sorgono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato».

Milano sta affrontando una sfida senza precedenti che vincerà attraverso una gestione consapevole e una riflessione attenta sui temi della sostenibilità sociale, economica e ambientale, per una crescita che vada a beneficio di tutti i cittadini.

alex-vasey
Milano

Milano può ripartire

Milano è traino economico e industriale del Paese e motore dello sviluppo d’Europa e ha la forza e le competenze per reinventarsi e ripartire, grazie alla solidità del suo tessuto produttivo e culturale. Serviranno, però, più investimenti per sostenere le imprese e le famiglie e rendere tutti partecipi dei benefici derivanti dallo sviluppo sostenibile della città e dalla limitazione delle disuguaglianze.           

Milano 2030 dovrà sviluppare ancora più efficacemente la tecnologia a tutti i livelli, con l’obiettivo di colmare in breve tempo il digital divide. Le Università, ad esempio, dovranno fare da traino in un processo di diffusione della cultura e dei metodi digitali, attraverso l’investimento in dispositivi e piattaforme sia per fini di ricerca che per gestire la didattica a distanza. Attraverso la sperimentazione di nuovi modelli che affiancano didattica in presenza e didattica a distanza, le Università costituiranno un laboratorio di esperienze innovative da mettere a disposizione anche delle scuole.

ouael-ben-salah
Milano

Nuove condizioni di lavoro

Per giungere a questi risultati dovremo sperimentare nuove condizioni di lavoro dove la ricerca e l’innovazione permetteranno una crescita della produttività, tutelando nel contempo il benessere dei cittadini.

La ripartenza deve avere come obiettivo una Milano più verde, umana e accogliente. Su questa linea, l’Ateneo di Milano-Bicocca, come altri Atenei milanesi, ha in programma un piano di incremento degli spazi verdi, la crescita di residenze, aree studio, centri ricreativi e sportivi per favorire momenti di condivisione e di socialità degli studenti.

Giovanna Iannantuoni, rettrice dell’Università di Milano-Bicocca dal 2019, è Professoressa diEconomia Politica.
Ha trascorso diversi anni all’estero nei più prestigiosi Dipartimenti di Economia. Nella sua carriera professionale ha vinto diversi progetti internazionali e nazionali in qualità di responsabile scientifico e ha pubblicato sulle piùi mportanti riviste internazionali di economia.

Università e ricerca

Milano può contare su una rete della scienza e della conoscenza importante, con 8 Università collocate strategicamente in aree differenti della città, che dovranno sostenere la ripresa in sinergia con le istituzioni e le imprese.

La ricerca è il presente e il futuro di Milano e del nostro Paese perché dà le risposte che cerchiamo. Ma per averle occorrono risorse, specialisti e capacità di fare rete.  

Anche la mobilità dovrà essere resa sempre più sostenibile, grazie a un cambiamento delle modalità di erogazione dei servizi di trasporto e alla modifica degli orari di lavoro, nel senso di una maggiore flessibilità, favorendo al massimo il lavoro agile e lo smart working e riducendo la concentrazione dei flussi di traffico.

fernando-meloni
Milano

Il Decreto Rilancio

Il decreto Rilancio, approvato il 13 maggio dal Governo, prevede 290 milioni per l’Università: un segnale incoraggiante, con risorse che saranno utilizzate per arginare un’eventuale caduta di nuove immatricolazioni e con l’estensione di borse di studio e sconti sulle tasse universitarie. 

Le Università milanesi applicheranno interventi decisivi in materia di diritto allo studio e nella Milano 2030 nessuno dovrà essere lasciato indietro.  

Ad oggi l’investimento che la politica italiana ha dedicato alla formazione universitaria è stato pari allo 0,3% del Pil, e questa misura appena varata rappresenta un’iniezione di fiducia per supportare la formazione dei giovani e il trasferimento tecnologico dagli Atenei alle imprese.

Da parte delle Università milanesi c’è tutto l’impegno nel fare la propria parte per valorizzare lo sviluppo di Milano, creando aree d’innovazione e rafforzando il rapporto di fiducia tra pubblica amministrazione e società.

alexandr-hovhannisyan
Milano

Milano 2030

Mi piace pensare che la Milano 2030 consoliderà una visione d’insieme e un forte senso di comunità. Sarà una città che ha superato la prova più difficile e ha saputo investire in politiche di sviluppo in grado di valorizzare il capitale umano e la tradizione scientifica e culturale del nostro Paese. 

La Milano futura, citando lo scrittore David Grossman, sarà più umana e positiva perché «la capacità di immaginare tempi migliori significa che non abbiamo ancora lasciato che l’epidemia e la paura prendano il sopravvento su di noi. Si respirerà un’atmosfera di risanamento e di ripresa, la gente mostrerà una diversa disposizione di spirito: sarà pervasa da un senso di leggerezza, di nuova freschezza».

Questo periodo ci ha insegnato molto e servirà come prezioso lascito per non trovarci impreparati in futuro.

Se ti è piaciuto questo articolo abbonati al Bullone per scoprire tutti i contenuti offline !