Trasformare

Clicca qui per tornare alla mostra “Cicatrici”

English version below

Cicatrici dà forma ai mostri che ci portiamo dentro, con un grande potere liberatorio: una volta materializzate, queste ombre si possono guardare e affrontare, come i nemici che, se conosciuti, diventano più facili da combattere e da vincere. Cicatrici è una presa di consapevolezza visiva e terapeutica che trasforma in fruibile ciò che diversamente resterebbe dolore e null’altro, e lo trasforma in opere d’arte tessute di passione, opere d’arte che hanno una nota onirica e come tale lasciano una scia in chi le osserva. La mia Venere rappresenta la trasformazione di una grande incomprensione, di un dibattito interiore con la vita, di un dolore sordo che per tempo è stato quasi inconsapevole – per diventare poi rovente – ma che nei giorni, negli anni, nei decenni si è dimostrato come una ricchezza poiché ha seminato in me fiori che, nonostante la fatica, hanno saputo germogliare e riseminare.

Transformation

Scars gave shape to the monsters that we carry inside us with a great, liberating power. Once you have given these shadows a form, you can look at them and face them, like enemies that become easier to fight and overcome if you know them.

Scars is a visual and therapeutic awareness that transforms what would otherwise be pain and nothing else into something usable. It transforms it into works of art woven with passion, works of art that have a dreamlike quality, and as such, leave a traceon the person looking at them.

My Venus represents the transformation of a huge incomprehension, of an internal debate with life, of a dull pain of which I was pretty much unaware for ages – that became red-hot. But with days, years, decades it showed how rich it was as it planted flowers in me that, despite difficulties, knew how to sprout and seed again.